Loading…

Socrate

Esiste un solo bene, la conoscenza, ed un solo male, l'ignoranza

EBOOK

Pasolini

Siamo un paese senza memoria. Il che equivale a dire senza storia.

SLOGAN

Primo Levi

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario

TWITTER

Stephen Hawking

Le leggi della scienza non distinguono tra passato e futuro

THE BLOG

Seneca

Tempus tantum nostrum est.

TEMPO

Karel Capek

Immagini il silenzio se tutti dicessero solo quello che sanno?

AUDIOLIBRI

Cartesio

Il dubbio è l'inizio della conoscenza.

LINKEDIN

Ecclesiaste

Omnia cum tempore.

JOB

Sciascia

A futura memoria (se la memoria ha un futuro)

MEMORIA
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

  FORMAZIONE E COMPETENZE IN RETE Nel nostro Paese il sistema industriale ha uno straordinario bisogno di innovazione e  competenze.  Pur guidate anche da lodevoli intenzioni, le iniziative...

PERCHÉ MI FA PAURA LA SCUOLA DIGITALIZZATA Non so come siano riusciti gli  insegnanti, in questi mesi,  a continuare a fare gli insegnanti. Chiusi nelle loro case, per  ore e ore davanti a un...

INTERVISTA A PIETRO ICHINO «Le  pare  normale  spendere decine di miliardi  per  i  sussidi passivi,  e  non stanziare  un euro per le politiche attive?». E i Navigator? «Impreparati, senza...

 

FORMAZIONE E COMPETENZE IN RETE

Nel nostro Paese il sistema industriale ha uno straordinario bisogno di innovazione e  competenze. 

Pur guidate anche da lodevoli intenzioni, le iniziative nazionali spesso non colgono le reali dinamiche del mondo dell’innovazione e non forniscono una risposta diretta in grado di rispondere alle esigenze del nostro Paese, specialmente in questo momento così difficile e critico. Ci saranno due emergenze, le imprese da salvare che stanno vivendo come un colpo di grazia la pandemia e le imprese che si stanno predisponendo all’accelerazione che la trasformazione tecnologica impone con ritmi sempre più rapidi.

Negli anni scorsi, uno dei punti qualificanti del Piano Industria 4.0  era la creazione di Competence center nazionali che con i Digital innovation hub che andassero a costituire una  sorta di rete italiana dei centri di eccellenza nell’innovazione tecnologica, sulla scorta di quanto già avviene in Germania con la rete dei Fraunhofer Institute presa a riferimento anche dal recente “Piano Colao”. Questi centri hanno l’obiettivo di abilitare,  accelerare e sostenere i processi di innovazione delle imprese, trasferendo tecnologie e know-how, e realizzando soluzioni custom per gli specifici bisogni delle imprese che utilizzino al meglio gli sviluppi della scienza e del mondo delle tecnologie. 

Leggi tutto...

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di  fatto  la  libertà  e  l'eguaglianza  dei  cittadini,  impediscono  il  pieno  sviluppo  della  persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

BLOG WEBORIENTA

THE BLOG

COMMENTI E NOTIZIE

PIACERE DI LEGGERE

LA LETTURA DI EBOOK

IL FUTURO DEL LAVORO

BETTIN - FERRERA - LANDINI

 

“Il linguaggio è un labirinto di strade, vieni da una parte e ti sai orientare, giungi allo stesso punto da un'altra parte e non ti raccapezzi più.”

Da Ricerche filosofiche di Ludwig Wittgenstein

 

Ricerche filosofiche

Insomma, mi sento di dire che la  lettura orale, per chi ascolta, è meglio. Il motivo è semplice. Una parola letta ha un suono solo, che  corrisponde alla medietà dei suoi  significati. E che non sembra godere   di   una   propria   vita,   fissata   com’è alla prigionia della pagina e  alla sua forzata immobilità. Una  parola detta e ascoltata risulta ricca di interpretazioni possibili tanto più quanto maggiore è la bravura di chi, quella parola, pronuncia.  Non voglio esagerare e forse il mio  è l’entusiasmo del neofita, ma arrivo a dire che limitarsi a leggere un  libro, ovvero la “sola lettura”, è un  atto mancato: come se delle cantate di Bach si conoscessero solo gli  spartiti.