Ponzi e altri

 

Ponzi e altri

Charles Ponzi (1882-1949) Lo “schema Ponzi” prometteva interessi altissimi in breve tempo pagandoli con i denari  raccolti dai nuovi clienti che via via convinceva. 

Han Van Meegeren (1889-1947) Artista mancato, divenne uno dei più abili  falsari d’arte del XX secolo. Riuscì a vendere  falsi fiamminghi persino al nazista Himmler. 

Cassie Chadwick (1857-1907) Fingendosi l’erede di Andrew Carnegie, uno  degli uomini più ricchi di tutti i tempi, riuscì a  farsi prestare milioni di dollari dalle banche. 

Wilhelm Voigt (1849-1922) Nel 1906, travestito da ufficiale prussiano,  fece imprigionare il sindaco e il tesoriere di  Köpenick e rubò il tesoro della città. 

Henri Louis Grin (1847-1921) Preso il nome di Louis de Rougemont, finse di avere avuto incredibili avventure in Australia  e in Asia che pubblicò su un periodico inglese. 

Mary Wilcocks (1791-1864) Figlia di un ciabattino, nel 1817 riuscì a farsi  passare per la principessa Caraboo, rapita dai  pirati dall’inesistente isola di Javasu. 

Victor Lustig (1890-1947)  Poliglotta, portò a termine numerose truffe  sui transatlantici, ma è ricordato per essere riuscito a vendere ben due volte la Torre Eiffel. 

Oscar Hartzell (1876-1943) Nel 1919 convinse decine di migliaia di  abitanti dello Iowa con cognome Drake che  avevano diritto all’eredità di Sir Francis Drake. 

Frank W. Abagnale Jr (1948) Negli Anni ’60 incassò 2,5 milioni di dollari  in 26 Paesi usando otto diverse identità. A lui è  ispirato il film Prendimi se puoi, con DiCaprio.  

Carlos Henrique Raposo (1963) Nome d’arte Carlos Kaiser: per 20 anni si fece passare per calciatore, ma una volta ingaggiato fingeva infortuni al momento di giocare.