ARCHIVIO

“Garanzia giovani: mi sono iscritta e…”

 di Sara Mauri

“Stiamo a vedere”. Questo è quello che pensano molti degli iscritti a Garanzia Giovani, il fronte italiano del piano europeo Youth Guarantee. Il programma prevede l’accompagnamento dei giovani verso il mercato del lavoro e contempla offerte formative, stage, offerte di occupazione e tutoring all’auto-imprenditorialità. I numeri sulla disoccupazione giovanile sono arrivati al 43%.

Ma, sono tanti i ragazzi che vedono nello strumento Garanzia Giovani una speranza concreta. Le scadenze legate al programma sono due: una prima presa in carico del giovane (entro 60 giorni dovrebbe avvenire un primo contatto di orientamento) e, una fase successiva per cui entro 4 mesi dall’iscrizione si dovrebbe ricevere una proposta di lavoro o formativa che contempli la stesura di un percorso individuale.

Volevo testare il portale, toccare con mano, provare per raccontare. Ho 29 anni, ancora per poco, e rientro nella fascia d’età a cui si rivolge il piano. Ho le caratteristiche necessarie per iscrivermi alla Garanzia Giovani. Perché non provare direttamente a valutarne l’efficacia? Io, mi sono iscritta sul sito agli inizi di maggio, per la regione Lombardia. Sono passati due mesi, ancora pochi per valutare il servizio.

Tuttavia, dovrei già avere ricevuto appuntamento per il primo contatto conoscitivo con gli operatori dei centri per l’impiego. Ancora nulla, il telefono non squilla, la casella mail resta in attesa. Il dubbio che sorge nella mia mente è relativo a tempi e modalità. Potrebbero esserci dei malfunzionamenti, ritardi? Se così fosse, io e gli altri ragazzi dovremmo ricevere una spiegazione. Noi giovani abbiamo bisogno di risposte. E, qui, bisogna colmare un vuoto.

Qualcosa, a mio parere, non funziona come dovrebbe. Ad oggi, sono più di 100.000 i giovani iscritti al portale. Circa 3.500 le offerte di lavoro. Se i numeri parlassero, darebbero sistemati 3,5 giovani su 100. Lo sportello funzionerà? Certo, noi ragazzi ci auguriamo che il programma non faccia la fine del bonus assunzioni del governo Letta che, tuttavia, ha dato il via a 22.000 assunzioni (a fronte delle 100.000 promesse).

Se vogliamo che il nostro sia un Paese per giovani, la situazione andrebbe monitorata e i tempi di reazione dovrebbero essere gli stessi in tutta Italia. I colloqui di orientamento sono stati attivati solo in 6 regioni italiane: Veneto, Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Lazio e provincia di Trento. Servirebbe un allineamento nazionale. Noi, tra i 15 e i 29 anni, intanto, aspettiamo e vediamo. Siamo stufi di tante promesse. Noi speriamo che, questa, sia #lavoltabuona.

Twitter: @SM_SaraMauri

Read more http://nuvola.corriere.it/2014/07/11/garanzia-giovani-mi-sono-iscritta-e/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=garanzia-giovani-mi-sono-iscritta-e