Loading…

ASCOLTA

Storie da ascoltare.

AUDIOLIBRI

LETTURE

Ebook consigliati, commentati.

EBOOK

Tempo

Dominio e sottomissione

TEMPO

Pasoliniana

Pasolini e jeans.

SLOGAN

CONDIVISIONE

Fa rima con diffusione.

THE BLOG

SOCIAL

Social asociali.

TWITTER

JOB

JOB... E NOTIZIE

JOB

Sciasciana

I professionisti secondo Sciascia

MEMORIA

PROFILO

E il lavoro...

LINKEDIN
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

ARTICOLI

L’illusione dell’uguaglianza

La quarantena è cominciata con gesti di comunione: da Milano a Palermo i cittadini sui balconi cantavano insieme Fratelli d’Italia; da Parigi a Tolosa, ogni sera alle 20, i francesi inauguravano il rito degli applausi a medici e infermieri. Forse per farci coraggio, abbiamo affrontato quella situazione inaudita con l’idea ottimista che il Covid-19 provocasse sì la riduzione delle libertà individuali, ma anche le condizioni di nuova uguaglianza — tutti a rischio, tutti confinati, tutti con le stesse possibilità di salvezza— e di fratellanza: i vicini che facevano la spesa per i più anziani, le chiacchiere tra sconosciuti salutandosi dalla finestra. Due mesi dopo, gli ideali di Liberté, Égalité, Fraternité che fissano il traguardo della società non solo francese sono traditi e calpestati, come e più di prima. Lo scrittore Édouard Louis (Il caso Eddy Bellegueule, Chi ha ucciso mio padre) e il sociologo e filosofo Didier Eribon (Riflessioni sulla questione gay, Ritorno a Reims) aggiornano per «la Lettura», via FaceTime ed email, il loro sguardo da sempre critico sulla realtà. Cresciuti in ambienti popolari di provincia (Amiens, Reims), nei loro libri hanno raccontato in modo straordinario il comune destino di «transfughi di classe», il rapporto tormentato con i genitori e le origini, e il rappresentare — con il loro percorso intellettuale — l’eccezione che conferma la regola di una società ingiusta, votata a riprodurre all’infinito antiche diseguaglianze e ripartizioni di ruoli. Quali riflessioni vi suggeriscono queste settimane di una situazione umana, politica e sociale senza precedenti?

ÉDOUARD LOUIS — Per prima cosa, penso che non dobbiamo mettere in quarantena anche il nostro immaginario politico. È vero, non siamo epidemiologi, non siamo esperti di Covid-19, ma neppure tra gli scienziati esiste un consenso assoluto. Quindi è bene mantenere una forma di interrogazione critica su quel che succede, anche se dall’inizio ci hanno chiesto subito di fare blocco, di riunirci nella Nazione. Bisognava stare tutti assieme, magari partecipando alla scene collettive come gli applausi ai medici. Certo, loro meritano i nostri ringraziamenti, ma l’anno scorso ho partecipato alle manifestazioni di piazza del personale medico contro i tagli agli ospedali, e ci siamo presi i lacrimogeni della polizia. Oggi, tra quelli che alle 20 si mettono ad applaudire i medici, ci sono magari anche elettori che hanno votato per Emmanuel Macron e i tagli agli ospedali. Se ci penso mi passa la voglia.

DIDIER ERIBON — La prima lezione politica della crisi sanitaria attuale è constatare a che punto le politiche neo-liberali di smantellamento dei servizi pubblici producono catastrofi. Da anni in Francia, ma anche in Italia, Spagna, Gran Bretagna, Stati Uniti, i governi di destra ma anche quelli che si presentano come di sinistra hanno compiuto tagli selvaggi alla sanità, agli ospedali pubblici, alla ricerca scientifica. Meno letti, meno medici e infermieri, mancato rinnovo degli stock di mascherine, gel disinfettanti, camici, farmaci... Per due anni il personale degli ospedali ha manifestato. Avvertiva: «Non siamo più in grado di assolvere alla nostra missione». Adesso l’epidemia è arrivata, e l’incubo è ancora più grave di quello che i medici avevano preannunciato: mancano letti, uomini e materiali, dai tamponi alle mascherine. Che cosa non va negli appelli all’unità nazionale?

ÉDOUARD LOUIS — L’idea che si debba costituire un unico popolo, una comunità, l’essere tutti insieme, storicamente è un discorso reazionario, contro i valori della sinistra e i progressi sociali. Ignora le differenze di sessualità, di genere, di etnia, di condizioni materiali... Se sei gay rischi che qualcuno ti spacchi la faccia per strada, se sei donna rischi di essere ammazzata da tuo marito. Questo accadeva già prima della pandemia. Adesso c’è una specie di ingiunzione alla sospensione della politica, chi osa dissentire, come ha fatto Giorgio Agamben, viene redarguito. Quando Macron usa l’espressione «siamo in guerra», evoca più o meno consapevolmente quei momenti storici in cui le guerre non erano metaforiche, e si chiedeva la sospensione di tutte le opposizioni: tra destra e sinistra, tra dominanti e dominati, tra oppressori e oppressi, in nome dell’appartenenza al popolo unito contro il nemico. In questo caso il nemico invisibile, il virus.

DIDIER ERIBON — L’epidemia non colpisce allo stesso modo tutte le categorie della popolazione. I rischi sono molto più elevati per le persone anziane, per quelli che hanno anche altre malattie come il diabete e l’obesità, e per i più poveri, perché il loro stato di salute complessivo li rende più fragili. I più poveri sono quelli che fanno i mestieri più duri, lavori precari, quelli che non possono curarsi perché non hanno copertura sanitaria (il modello sociale americano appare qui come il più orribile di tutti) o perché sono preoccupati dei costi... C’è un dato nascosto nelle cifre del Covid-19: è l’aumento della mortalità tra i poveri. Qual è il vostro giudizio sulla quarantena, per come è stata organizzata?

Leggi tutto: L’illusione dell’uguaglianza

I PROFESSIONISTI DELL'ANTIMAFIA

I PROFESSIONISTI DELL'ANTIMAFIA di Leonardo Sciascia - 10 gennaio 1987

La documentatissima analisi dello storico inglese Christopher Duggan sul fenomeno criminale sotto il regime mussoliniano - Anche nel sistema democratico può avvenire che qualcuno tragga profitto personale dalla lotta alla delinquenza organizzata - Uomini pubblici che esibiscono a parole il loro impegno contro le cosche e trascurano i propri doveri amministrativi

 

SOMMARIO: Due autocitazioni, da "Il giorno della civetta" e da "Ciascuno il suo", per chiarire cosa egli pensi, da sempre, sulla mafia. Segnala poi il libro recentemente uscito in Italiano, di uno storico inglese che ha studiato la mafia sotto il fascismo, non tanto in quel che essa era in sé ma per ciò che se ne pensava intorno (Christopher Duggan, "La mafia durante il fascismo"). Purtroppo, a nulla servono i buoni libri (neanche i suoi due, citati all'inizio) per far apprendere una "dolorosa e in qualche modo attiva coscienza del problema"; anche i suoi, forse, sono stati letti tutt'al più "en touriste", alla ricerca del "lieto fine". Ma quando Luigi Sturzo, nel 1900, scrisse un dramma sulla mafia, esso non aveva - già allora - un lieto fine. Poi, a don Sturzo è succeduta la DC, un partito "a dir poco indifferente al problema".

 

 

Storicamente, in Sicilia, il fascismo stentò a sorgere dove il socialismo era debole. E la mafia, che aveva impedito lo sviluppo del socialismo, era già fascismo. Tanto che essa cominciò a temere certe manifestazioni più intransigenti e "rivoluzionarie" di settori del fascismo, degli ex-combattenti, dei giovani nazionalisti, ecc., temuti anche dal fascismo agrario del nord: come è il caso di Alfredo Cucco, fascista di linea radical-borghese, arrestato dallo stesso fascismo. In Sicilia ci fu uno scambio, tra il fascismo ed agrari ed esercenti di zolfare; il fascismo dava loro sicurezza, ma questi dovevano liberarsi delle frange criminali. Questa fu opera del prefetto Mori, uomo di gran senso del dovere verso lo Stato, che così venne favorendo le aree fasciste conservatrici a danno delle più "progressiste".: insomma, con Mori si ha il paradosso di una "antimafia" come "strumento del potere". Qualcosa di simile può succedere anche oggi: chi rimprovererà un sindaco che si occupi di mafia magari trascurando di amministrare la sua città? In altro campo, c'è da segnalare un episodio che ha visto il dottor Paolo Borsellino scavalcare, nell'assegnazione al posto di procuratore della repubblica di Marsala, un altro concorrente più anziano, perché questi non era stato mai incaricato di processi contro la mafia.

 

Leggi tutto: I PROFESSIONISTI DELL'ANTIMAFIA