Loading…

Sciasciana

I professionisti secondo Sciascia

MEMORIA

PROFILO

E il lavoro...

LINKEDIN

Tempo

Dominio e sottomissione

TEMPO

Pasoliniana

Pasolini e jeans.

SLOGAN

SOCIAL

Social asociali.

TWITTER

CONDIVISIONE

Fa rima con diffusione.

THE BLOG

LETTURE

Ebook consigliati, commentati.

EBOOK

ASCOLTA

Storie da ascoltare.

AUDIOLIBRI

JOB

JOB... E NOTIZIE

JOB
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

BLOG

BLOG

Žižek: come sfuggire alla barbarie

Žižek: come sfuggire alla barbarie

La situazione presente è profondamente  politica:   ci   troviamo di fronte a scelte  radicali.   Chissà,   in   alcune   parti   del   mondo il potere dello Stato  potrebbe dissolversi o quasi, i  signori della guerra locali magari controlleranno i loro territori nello scontro generale  per la sopravvivenza alla Mad  Max, tanto più se nuove minacce   dovessero   stagliarsi   all’orizzonte   (ad   esempio,   una   carestia   causata   dalle   grandi invasioni di locuste). È  possibile che i gruppi estremisti adotteranno la strategia nazista «che i vecchi e i deboli  muoiano per rafforzare e rinverdire   la   nostra   nazione»   (sembrerebbe    che     alcuni   gruppi si siano già messi a incoraggiare i membri che hanno contratto il coronavirus a  diffondere il contagio tra gli  agenti di polizia e gli ebrei, secondo le informazioni raccolte dall’Fbi).

Una   versione   capitalista   più raffinata di una tale ricaduta nella barbarie è già oggetto del dibattito pubblico   negli Stati Uniti – ecco un paio di esempi: «In un tweet di  domenica 22 marzo, sul tardi,   il   presidente   degli   Stati   Uniti ha scritto in maiuscolo:  “Non   possiamo   permettere   che il rimedio sia peggiore del  problema   stesso.   Trascorso   un periodo di quindici giorni,  decideremo quale sarà la strada da prendere”» (New York  Times, 24 marzo). «Il vice-presidente Mike Pence, alla guida dell’unità operativa della  Casa Bianca incaricata di occuparsi del coronavirus, quello stesso giorno aveva già detto che i Centri per il Controllo  e la Prevenzione delle Malattie (Centers for Disease Control   and   Prevention,   CDC)   avrebbero fornito indicazioni  il lunedì per permettere alle  persone già esposte al coronavirus di tornare prima al lavoro.

La scorsa settimana, il comitato di redazione del Wall  Street Journal così ammoniva: “I funzionari federali e statali ora devono cominciare a  ritoccare la strategia contro il  virus, se si vuole scongiurare  una   recessione   economica   che eclisserebbe la crisi del  2008-09”»   (Guardian,   23   marzo). [...] Vale la pena citare questi  brani   perché   mandano   un   chiaro messaggio: la scelta è  fra (chissà quante) vite umane e il «modo di vita» capitalistico americano – e, in questa  scelta, sono le vite a perdere… Ma si tratta dell’unica  scelta possibile? Non abbiamo già iniziato a fare, qua e  là, persino negli Stati Uniti,  qualcosa di diverso? Di certo  un intero Paese o persino il  mondo   non   possono   stare   nell’isolamento totale all’infinito – ma lo si può trasformare, riavviare in un modo nuovo. Non ho pregiudizi sentimentali   al   riguardo:   chissà   cosa dovremo fare, mobilitare le persone guarite e ormai  immuni   perché   svolgano   i   servizi sociali necessari, fino  al punto di rendere disponibili pillole per accompagnare a  una morte indolore quanti sono incurabili e la cui vita è ridotta a un’agonia protratta e  senza senso. Ma non soltanto possiamo scegliere, operiamo già delle scelte. Per questa ragione è palesemente insufficiente la posizione di chi ritiene la crisi un  momento apolitico in cui il  potere dello Stato dovrebbe  svolgere il proprio compito  mentre noi dovremmo limitarci a seguirne le istruzioni,  nella speranza che una parvenza di normalità venga restaurata   in   un   futuro   non   troppo lontano.

Dovremmo  seguire Immanuel Kant che  scrisse riguardo alle leggi dello Stato: «Obbedite, ma ragionate, mantenete la libertà  di pensiero!». Oggi abbiamo  più bisogno che mai di quello  che Kant chiamava «uso pubblico della ragione».

È chiaro che le epidemie torneranno, combinate ad altre  minacce ambientali, dalla siccità alle locuste, quindi è questo il momento di prendere  decisioni difficili. A chi sottolinea che si tratta solo di un’epidemia che ha causato un numero relativamente esiguo di  morti sfugge proprio questo:  sì, sarà solo un’epidemia, ma  ora capiamo che gli avvertimenti al riguardo erano pienamente   giustificati,   e   che   non se ne vede la fine. Naturalmente possiamo adottare un  atteggiamento di «saggia» rassegnazione e dire «l’umanità  ne ha viste di peggiori, allora  le   pestilenze   nel   Medioevo…» – ma il fatto che ci sia bisogno di un paragone del genere è piuttosto eloquente. Il  panico in cui ci troviamo testimonia del fatto che c’è una  sorta di progresso etico in corso, ipocrita com’è: non siamo  più capaci di accettare un destino di pestilenze.

A questo punto s’inserisce il  mio «Comunismo» che non è  un sogno fosco ma solo il nome di qualcosa che si è già avviato (o che perlomeno è avvertito da molti come una necessità), il nome per i provvedimenti che sono stati già presi in considerazione e in parte  addirittura   attuati.   Quindi   non si tratta di una visione di  un futuro luminoso, piuttosto  di un «Comunismo dei disastri», un antidoto al «Capitalismo dei disastri». Non solo lo  Stato dovrebbe assumere un  ruolo molto più attivo – riorganizzare la produzione di beni di cui c’è urgente bisogno,  come mascherine, kit per tamponi, respiratori, disporre la  requisizione di alberghi e altri  centri, provvedere alla sussistenza di chi ha perso il lavoro  ecc. – ma in sostanza tutto  questo   andrebbe   fatto   in   sprezzo dei meccanismi del  mercato.

Leggi tutto

Caro Watson la letteratura è crimine

Caro Watson la letteratura è crimine di  Pietro Citati

Sherlock Holmes, protagonista   dei   libri   di   Arthur   Conan   Doyle, non prova alcun interesse   per   quella   che, abitualmente, noi chiamiamo realtà: la realtà di Rabelais o  della Princesse de Clèves o del  Tom Jones o di Madame Bovary o   degli   innumerevoli   romanzi   del   Diciassettesimo,   Diciannovesimo o del Ventesimo secolo.  Forse (ma non è sicuro), potrebbe   interessargli   la   realtà   lontana, lontanissima, del Ventiduesimo secolo. Ma è meglio  dire che egli odia, detesta, esecra qualsiasi realtà: appena la  vede,   fa   una   smorfia,   o   uno   scherno, o una beffa. Nella letteratura,   o   nella   pittura,   è   una   condizione rarissima, quasi inesistente. Sherlock Holmes ama una sola   specie   di   realtà:   il   minimo.   Per esempio, sebbene sembri assurdo, gli piace la cenere di una  sigaretta, la polvere sparsa su  un mobile, le orme sconosciute  trovate su un viale o nella stanza di un criminale. Se guarda la  polvere e la cenere, la guarda  con una lente di ingrandimento; e allora se la mano possiede  la sua lente, che è sempre alla  caccia dell’impossibile e dell’inverosimile, una specie di sorriso distende il suo volto abitualmente   contratto   e   aggrottato.

Osserva,   scruta,   indaga:   quasi   sempre è ironico, sebbene non  sappiamo affatto perché.  Il   suo   maestro   remotissimo   (ma non ricordato) è Michel de  Montaigne,   un   altro   è   Sterne,   un altro è Edgar Allan Poe; un altro   ancora   è   Baudelaire.   Dickens gli piace molto meno: ama  l’ironia ma non gli piace (o gli  piace poco) il sistema del comico, tanto più se scatenato e colorito e chiassoso; perché il comico ha un volto solo, o pochi volti  che si confondono tra loro.

Le  dita agilissime di Sherlock Holmes svolazzano di qua e di là,  un   po’   dappertutto,   toccano,   prendono,   sbottonano,   esaminano, sebbene egli pensi «che  nulla  è  insignificante  per   una  mente superiore». Sherlock Holmes di solito è di buon umore:  gli occhi scintillano, brillano, a  volte   non   sappiamo   perché.   Molto spesso non sembra affatto umano (se la parola umano  ha un senso), e scivola sui tetti,  simile a un gatto o ad una lucciola. Gioca, gioca e non si stanca  mai, mentre lavorare lo spossa  e l’abbrutisce. Talora è preda di  una   incontenibile   eccitazione   nervosa. La sua ironia è una forma particolare di nevrosi. A volte pronuncia massime taglienti:  «Il mondo è pieno di cose ovvie,  che nessuno nota neppure per  caso».  Ragiona, oppure non vuole ragionare affatto. Si compiace di  essere un artista, o di fare la parte dell’artista, al contrario del  suo amico dottor Watson, assieme al quale abita al 221 Baker  Street, a Londra. La sua intuizione è rapida, sottile, e prevede  gli eventi futuri con una facilità  sconvolgente,   o   che   almeno   sconvolge   il   pigro   e   modesto   dottor Watson.  Non potremo mai immaginarlo vivere a Parigi, che è così noiosa e ripetitiva, e nemmeno negli  Stati Uniti, come qualche anno  prima Henry James.

Leggi tutto