LA CROCIATA DEI LITIGIOSI
di Paolo Mieli
 
CULTURA
LA PIÙ SUBLIME DELLE INVETTIVE - GADDA CONTRO IL «BATRACE STIVALUTO»
 
CULTURA
LA PIÙ SUBLIME DELLE INVETTIVE - GADDA CONTRO IL «BATRACE STIVALUTO»
 
TECNOLOGIE
2007 Telefonini e app: così dieci anni fa ci è cambiata la vita (digitale)
 
 
Niente maturità senza il lavoro
 
Trump può far esplodere la Ue
 
 
Religioni
Addio all’ayatollah Rafsanjani
Di Roberto Toscano 
 
Spreco e confusione nell’alternanza scuola-lavoro
 
FILOSOFIE
La storia si è arenata resta solo il presente
 
NARRATIVA ITALIANA
Manca una luce per squarciare il buio di  ERMANNO PACCAGNINI 
 

Politiche attive del lavoro - Una guida su come sfruttare al massimo le nuove opportunità
 
Religioni
Cei , Milano e Roma: il Papa cambia
Di Claudio Tito
 
Perché ci accorgiamo se qualcuno ci sta osservando?
 
MERCATO DEL LAVORO IL MURO CHE DIVIDE INSIDER E OUTSIDER
 
I DANNI DELL’ECONOMIA SOMMERSA TUTTO IL BUIO DEL «NERO» FRANCESCO RICCARDI
 
SCIENZE
Gli errori ci guidano Marte è all’orizzonte  di  GIULIO GIORELLO 
 
 
Gens il potere di Roma
 
Cari confratelli e permettetemi soprattutto cari amici, sono ormai molti anni, dal 1994, che partecipo ai lavori della Conferenza episcopale italiana. Vi sento amici: per la conoscenza lunga e profonda, la comunione vissuta in momenti di fraternità, la condivisione di responsabilità e la discussione franca dei problemi della Chiesa italiana e del mondo. Desidero esprimere la mia più profonda gratitudine al Santo Padre per la fiducia e la premura che ha riposto nella mia persona affidandomi questo incarico. Un pensiero particolare lo rivolgo, inoltre, al cardinale Angelo Bagnasco, per due mandati presidente della Cei. Lo ringrazio di cuore, a nome di tutti, per il suo  servizio,  la  fedeltà al Papa e alla Chiesa, e l’attenzione  dedicata  ad  ognuno di noi.  Pensando al territorio  di  cui  siamo  espressione, sento il dovere di esprimere una       parola       di profonda     riconoscenza ai nostri parroci: sono costruttori di comunità, strumenti della tenerezza di Dio, presbiteri che si spendono e si ritrovano nella carità pastorale. Accanto a loro, mi è impossibile non accennare ai religiosi: uomini e donne che, nella varietà dei loro carismi, ci restituiscono il primato dell’amicizia con il Signore, la profezia della fraternità e la fecondità delle opere. Un ringraziamento doveroso, infine, in questa sede anche agli operatori della comunicazione, che ci consentono di arrivare nelle case della gente, con una parola che vuol essere di sostegno e speranza. L’incarico che mi è stato affidato mi pesa sulle spalle, anche per l’età. Mi consolano le parole che monsignor Enrico Bartoletti scrisse nel suo Diario, l’11 agosto 1972, quando gli fu comunicato il suo nuovo compito in Cei. Così scrisse: «In manus tuas, Domine! Signore, accetta il mio umile sacrificio e dammi la grazia di cercare solo te». Con gioia e commozione cerco di far mie queste parole con l’assoluta convinzione che senza l’aiuto di Dio non potrei far nulla. Sento una grande responsabilità che si addolcisce nella consapevolezza di servire la Chiesa italiana. Cari confratelli, è mia intenzione aprire il Consiglio permanente rivolgendo un pensiero a quelle persone che ora sono nella sofferenza e nel lutto. Vorrei testimoniare la più sincera vicinanza a tutte quelle donne che in Italia, pressoché quotidianamente, sono vittime  di  una  violenza cieca   e   brutale.   Un pensiero affettuoso va, anche, a tutte le popolazioni  italiane  ferite dal  terremoto,  da  Ischia all’Italia centrale; ai cittadini di Livorno, colpiti da una tragica alluvione; e al Messico dove un terribile terremoto ha tolto la vita a centinaia di persone.
 
POLITICA
EUtopia può vincere Ce lo insegna Weber di  MAURIZIO FERRERA
 
MAFIE
Quei professionisti dell’antimafia  e la profezia (avverata) di Sciascia.
 
 
Ponzi e altri
 
Russia
«Tutto quello che non abbiamo capito di Putin»
 
 
RELIGIONI
Un incontro tra le fedi per un’altra società di  MARCO VENTURA 
 
ARCHITETTURE
I cittadini partecipano al progetto del futuro di  CARLO RATTI