Loading…

Karel Capek

Immagini il silenzio se tutti dicessero solo quello che sanno?

AUDIOLIBRI

Socrate

Esiste un solo bene, la conoscenza, ed un solo male, l'ignoranza

EBOOK

Pasolini

Siamo un paese senza memoria. Il che equivale a dire senza storia.

SLOGAN

Primo Levi

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario

TWITTER

Cartesio

Il dubbio è l'inizio della conoscenza.

LINKEDIN

Sciascia

A futura memoria (se la memoria ha un futuro)

MEMORIA

Stephen Hawking

Le leggi della scienza non distinguono tra passato e futuro

THE BLOG

Seneca

Tempus tantum nostrum est.

TEMPO

Ecclesiaste

Omnia cum tempore.

JOB
  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Contrordine, compagni - Marco Bentivogli

 

Contrordine, compagni - Marco Bentivogli

 La quarta rivoluzione industriale è già qui. L'innovazione tecnologica e la velocità sempre maggiore con cui si verifica il cambiamento comportano una trasformazione radicale del nostro mondo conosciuto. Robotica avanzata, Intelligenza artificiale, big data, blockchain sono solo alcuni dei fattori che, combinati e integrati tra loro, stanno incidendo sulla sfera del lavoro, sulla società nel suo complesso, sulla vita quotidiana di ognuno di noi.

Come reagire? Non certo, sostiene Marco Bentivogli, col catastrofismo dei tecnofobi, di chi predica che «le macchine» semplicemente cancelleranno occupazione e che l'innovazione debba essere fermata. Serve, al contrario, un cambio di paradigma, di prospettiva e di senso; è necessario «anticipare, pensare e progettare la trasformazione», fare in modo che il nuovo che nasce compensi e superi ciò che muore. È possibile, e dove si sono prese le giuste misure si è riusciti a portare crescita economica, benessere, e a far aumentare l'occupazione, migliorare la qualità del lavoro e la sostenibilità ambientale dei modelli produttivi. L'industria 4.0, di cui questo libro offre una guida pratica, è un'occasione che un Paese come l'Italia non può e non deve lasciarsi sfuggire. Occorre ripartire, e subito, da un approccio competente e positivo all'innovazione tecnologica, da un rilancio dell'istruzione scolastica e della formazione in ambiente di lavoro; da nuovi corpi intermedi, come il sindacato «smart», che sappiano guidare e orientare il mutamento in corso. Le forze politiche, in particolare quelle che si dichiarano progressiste, hanno il dovere di abbandonare il velleitarismo di chi vuole «fermare il progresso con le mani», di guarire dalla miopia e dall'afonia con cui partecipano al discorso pubblico, di parlare di futuro delle persone e non di paure. È l'unica strada percorribile per interrompere il degrado civile del Paese e sconfiggere le ricette populiste.