di Francesco Giubileo e Francesco PastoreLa crisi economica, da una parte, l’invecchiamento demografico e la mobilità occupazionale, dall’altra, hanno causato una “fuga” dai piccoli centri dell’Appennino verso le metropoli del Centro-Nord, ma anche del Mezzogiorno, in grado di offrire migliori chance occupazionali.D’altronde in assenza di u...
 
c’è un rebus da risolvere. Tutti toccano con mano la crisi. Ma i dati del cosiddetto «lavoro somministrato» – quello che venne introdotto nel ’97 come lavoro in affitto – segnano un progresso dall’inizio dell’anno. Un indicatore rappresentativo sono i contributi versati al fondo del settore,...
 
...  
Conquiste del lavoro
... parti sociali e chiediamo un intervento deciso sulle politiche attive del lavoro, ora che è stata insediata presso il Ministero del Lavoro una struttura 'ad hoc', ma nel frattempo il rifinanziamento è la priorità per dare risposta ad una emergenza ...

altro »
 
...  
DiariodelWeb.it
Che cosa significhi agire sulle politiche attive del lavoro l'Agenzia guidata da Reboani recentemente l'ha dimostrato sul campo, siglando un accordo pilota con Farmindusria che prevede, per la prima volta in Italia, un impegno sottoscritto dalla ...

 
di Dario Di VicoL’attenzione che si è concentrata sul mondo delle partite Iva negli ultimi giorni non va dispersa. Anzi va utilizzata per ragionare sulle cose da fare per dare maggiore riconoscimento e tutela a queste figure professionali. Il primo nodo riguarda le scelte in materia di previdenza. È chiaro che con il progressivo passaggio della...
 
...
www.quotidianosicurezza.it

Isfol, indagine sui fabbisogni di politica attiva del lavoro nelle imprese
www.quotidianosicurezza.it
ROMA – Avviato dall'Isfol il progetto di ricerca Politiche attive del lavoro, Sviluppo territoriale e Mezzogiorno, indagine a campione sul bisogno di nuove politiche del lavoro, inserita nell'ambito del programma
 
di Ivana PaisSe ne discute da mesi sui blog, nei social network, anche in convegni (l’ultimo, Sharitaly, alla Camera dei Deputati) ma mancava l’autorità dell’Economist a battezzare il fenomeno. Ora con l’efficacia dell’ultima copertina sui “lavoratori alla spina”, il dibattito sull’economia on-demand può dirsi aperto.Sono passati quasi due anni...
 

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.weborienta.it/htdocs/templates/ja_wall/template_tools.php on line 185
 di Carmine Soprano*WASHINGTON – Il lavoro di questi tempi non abbonda, dalle nostre parti e non solo. Ma se chi lo cerca non ha le skills giuste, e chi lo ha formato non s’intende -o peggio non comunica- con chi dovrebbe assumerlo, diventa davvero difficile.Un recente studio di McKinsey (disponibile qui), condotto su giovani, aziende,
 

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.weborienta.it/htdocs/templates/ja_wall/template_tools.php on line 185
  di Silvia PagliucaProfessione? Comandante di rimorchiatore.  Risposta non comune. Ancora meno se a parlare è una donna. Che ha sempre avuto sogni da uomini. Che in una classe di soli maschi ha passato più di due anni. Che di sentirsi da meno proprio non ne vuole sapere. Perché è questo ciò che Chiara ha desiderato da sempre.Fin da quando, a 13...
 

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.weborienta.it/htdocs/templates/ja_wall/template_tools.php on line 185
 di Camilla GaiaschiDubai sempre più mecca di giovani italiani in cerca di lavoro. Secondo i dati forniti dal Consolato a Dubai, i visti rilasciati nei primi otto mesi del 2013 sono saliti del 131% a oltre 16mila richieste rispetto allo stesso periodo del 2012. Gli iscritti all’anagrafe degli italiani residenti all’estero sono cresciuti a 4485,...
 
Sei due anni più giovane di quei soggetti per cui la sociologia contemporanea ha coniato un allegrissimo neologismo: “giovani adulti”, riferendosi agli sfigati che oggi hanno tra i 35 e i 40 anni. Sei laureata, masterizzata, specializzata, workshoppata, seminarizzata, hai lavoricchiato due anni si e uno no, di nuovo uno si e...
 
 di Sara MauriFilosofo, lui, lo è sempre un po’ stato. Diego Fusaro si è iscritto a filosofia perché voleva capire. La politica, la società, l’essere. Del resto, dice, per Socrate, una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta. A 27 anni ha vinto il concorso per diventare ricercatore all’Università Vita- Salute San Raffaele e, adesso, a 31,...
 
 di Dario Di VicoPer la quantità di giuslavoristi e di sindacalisti che vantiamo in Parlamento, per il peso che la cultura del lavoro ha sempre avuto nel dibattito culturale e per i protagonisti che abbiamo storicamente espresso l’Italia dovrebbe avere come dotazione un sistema modello per quello che riguarda l’occupazione, la...
 
Si prodigano, danno consigli. Eppure gli sembra sempre di non fare abbastanza. Vorrebbero aiutarli ancora di più, i loro figli. Il problema è che non sanno da dove cominciare. Sì, perché in fondo è questa la realtà: spesso mamma e papànon sanno che lavoro facciano davvero i loro rampolli. Perciò anche aiutarli diventa difficile, n...
 

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.weborienta.it/htdocs/templates/ja_wall/template_tools.php on line 185
di Maurizio FerreraIl cosiddetto Job Act sarà un importante banco di prova per Matteo Renzi. Si tratterà del primo esercizio programmatico concreto, dal quale potremo farci un’idea più precisa del «riformismo» renziano sia nei metodi sia nei contenuti.Data la drammatica situazione economica, il tema dell’occupazione era quasi...
 
In Italia c’è più di qualche remora a parlare delle agenzie private del lavoro (Apl). Sono presenti su tutto il territorio, i loro uffici e le loro insegne sono visibilissimi perché restano sul piano strada, ce ne sono di straniere e di italiane, di grandi e di piccole. I disoccupati in cerca di lavoro hanno imparato via...
 
di Iolanda BareraGuardatevi in giro. E se vedete un libretto bianco non ignoratelo: potrebbe essere un “White book of job”. E voi potreste prendere parte al primo esperimento italiano di scrittura collaborativa sul tema del lavoro. Non è necessario essere digital addict per lasciare il proprio segno. Basta avere una penna e una storia di lavoro (o...
 

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.weborienta.it/htdocs/templates/ja_wall/template_tools.php on line 185
 di Silvia Zanella“Cosa vuoi fare da grande?”. La domanda, di per sé, pare inoffensiva: la facciamo a bambini e ragazzi per scoprire le loro ambizioni, per conoscerli meglio, per sbirciare nei loro sogni. Il punto però è che la nostra replica alle possibili risposte (“L’archeologo!”, “L’astronauta!”, “L’ingegnere!”) si è fatta decisamente più c